venerdì 21 luglio 2017

Gudu’s Pura Vida Experience – part one: di carapaci e sabbia

A partire da oggi, i resoconti di viaggio miei della Virgi saranno pubblicati su questo blog:

Travel Gudu Blog
Io mi limiterò a copiarli anche qui per tenerne traccia.

Invece io miei pensieri e le mie recensioni continuerò ovviamente a pubblicarle qui. Ma bando alle ciance. In questo posto si parla del nostro viaggio in Costarica.

Da qualche parte bisogna pur iniziare. E dopo aver a lungo elucubrato, abbiamo deciso per il Costa Rica. Parliamo di appena un anno fa. Parliamo di un viaggio avventuroso, vario, dinamico, intenso, umido, gastronomicamente monotono, kilometrico. Partiamo subito specificando una cosa: agosto NON è il mese giusto per andarci. Pioverà a dirotto almeno (NB almeno) una volta al giorno. Il clima rende meno probabili gli avvistamenti di animali. Ma: è la stagione della nidificazione delle tartarughe versi sulla costa orientale. Anche solo per quello, a nostro avviso, ne vale la pena.

Il nostro viaggio è iniziato con un assurdamente lungo e frammentario volo aereo, che, tramite Francoforte e Panama, dopo circa 15 ore spese in aria e circa 6 spese in aeroporto, ci ha portati ad atterrare San Josè. Il viaggio è stato organizzato tramite l’agenzia di colei che oramai è un’amica, Zalun Viaggi, e tramite il tour operator Etnia Viaggi.
Dopo un primo pernottamento a San Josè, la mattina successiva ci hanno caricati su un pullman per portarci a Tortuguero.
Un pullman.
Pieno. Zeppo. Di. Turisti.
Bastasse quello. No, invece. Un cordiale spumeggiante amigo con un microfono che, al ritmo di “So my friends…” ha scandito ogni minuto dell’interminabile trasferimento fino alla spiaggia, dove finalmente ci siamo imbarcati per raggiungere il lodge nel cuore dei canali del Parque Nacional Tortuguero.



L’Evergreen Lodge sta proprio sulle rive dei canali di Tortuguero, con tanti piccoli bungalow in mezzo alla foresta, con percorsi sospesi su passerelle di legno. Anche qui, un sacco di turisti, purtroppo. Le attività nel lodge erano sostanzialmente organizzate a gruppi: escursioni a piedi, escursioni in barca, visita al villaggio di Tortuguero; e poi attività facoltative, tipo il canopy tour (ovvero percorsi sugli alberi, con liane e piattaforme, sospesi a parecchi a metri di altezza – insomma, ad altezza bradipo), il noleggio di canoe, e ultimo ma non ultimo: l’escursione notturna per assistere alla deposizione delle uova delle tartarughe.

Partiamo che è già buio, con la barca raggiungiamo il villaggio di Tortuguero e da lì, a piedi, al buio, la strada illuminata dalle torce elettriche, ci avviciniamo alla spiaggia.
I rangers vanno in avanscoperta e ci fanno accedere alla spiaggia solo quando la tartaruga ha ormai raggiunto la posizione prescelta (assolutamente non bisogna trovarsi tra mare+tartaruga e futuro nido per non scoraggiare la testuggine). Ci avviciniamo piano, in silenzio, camminando nella luce rossa della torcia del ranger. Ad un certo punto, è lì, a pochi centimetri da noi: un grosso guscio nella sabbia scura, con le pinne scava e scava, fino a che è soddisfatta. E allora depone le uova, decine e decine. E noi lì, così vicini da poterla toccare. E mentre siamo incantati ad osservare la meraviglia della natura, ecco che un’altra tartaruga di cui non ci eravamo accorti sbuca fuori da un anfratto. E’ incredibile. Ci accovacciamo lì accanto. Indescrivibile. Poi il lento e stanco ritorno al mare, le tracce pesanti sulla sabbia, le onde che lambiscono il carapace fino a trascinarlo con sé.

Se un’esperienza vale un viaggio, questa sicuramente lo è valso.



La natura a Tortuguero è rigogliosa e prepotente. La mattina le scimmie ci svegliano lanciando qualcosa (frutti? escrementi? in fondo non vogliamo saperlo) sul tetto della nostra capanna. Granchi incredibilmente blu e arancioni brulicano nella palude. Per non parlare degli anfibi e degli uccelli. Noi partecipiamo alle attività organizzate, che per la verità ci piacciono e non ci piacciono (siamo orsi, in fondo), e poi decidiamo di inoltrarci nella foresta per conto nostro. Proprio al fondo della passerella che porta al nostro bungalow, inizia un percorso a piedi e noi, muniti di stivali partiamo. Ovviamente piove. Un cane un po’ vecchiotto, custode del lodge e degli ospiti, ci accompagna. Pare di essere in una scena di Jurassic Park, ve lo ricordate? Pioggia e vegetazione e fango ovunque; due figure con stivali e mantelline che goffamente si fanno strada nell’ignoto. Spavaldi, coraggiosi.
Anche se, a dire il vero, il nostro “coraggio” è stato presto mutilato e, col fango ed il pantano che tentavano di risucchiare i nostri stivali, in mezzo a ponticelli di legno marci, siamo stati costretti a ritornare alla base.







A Tortuguero ci siamo fermati per tre notti, al termine delle quali siamo (purtroppo) risaliti sul popolosissimo pullman cullati da “So my friends”, diretti a Guapiles dove – finalmente – è iniziata la nostra avventura in solitaria.

:::::::Info pratiche:::::::

Zona: Costa Orientale
Lodge: Evergreen
Attività:
Safari fotografico a piedi. Fatto. Voto:5/10
Safari in barca all’alba. Fatto. Voto: 6/10
Canopy tour. Fatto. Voto: 6,5/10
Visita del villaggio di Tortuguero. Fatto. Voto: 4/10
(breve) Safari in solitaria sotto la pioggia stile Jurassic Park. Fatto. Voto: 7/10
Noleggio canoa. Non fatto.
Turtle nesting. Fatto. Voto: 10/10.
Indice di fastidio umanità: 7 JarJar.
Indice di fastidio fauna: 3 JarJar (ste scimmie mattiniere un po’ rompevano).
Indice di piovosità: 5 Giuliacci.

mercoledì 7 giugno 2017

The Gudu's Normandy Experience

Quest'anno, il 4 aprile, ho compiuto 40 anni.
Come regalo di compleanno, Virginia mi ha portato 4 giorni in Normandia nella zona del Calvados per visitare la zona, ma soprattutto per visitare Mont Saint Michel, luogo che da sempre volevo visitare.
Ovviamente è stato tutto una sorpresa.
La sera prima della partenza mi ha dato un biglietto con su scritto "Nizza" ed il giorno dopo siamo partiti in auto per andare a Nizza... però invece di visitare Nizza o proseguire con l'auto, ci siamo fermati all'aeroporto per prendere, a sorpresa, l'aereo per Parigi (secondo biglietto).
Poi, invece di fermarci a Parigi, abbiamo affittato un'auto e così mi sono ritrovato sulle strade francesi in direzione (terzo biglietto) di Rouen.
Nonostante io non ami molto i francesi, letteralmente adoro la Francia... la sua natura, le sue millemila architetture, il cibo, il vino e l'atmosfera che ivi regna.
Dopo pochi chilometri di auto sulle strade normali della Normandia (abbiamo evitato le autostrade per evitare gli ingorghi pasquali e per goderci il panorama), ho subito capito che la Normandia era un luogo molto particolare. Sembrava di essere tornati indietro nel tempo. Tutte le architetture erano ancora tradizionali, c'era inoltre tantissima natura con tantissimi allevamenti e zone rurali.
Uno spettacolo per gli occhi e per il cuore.
Siamo arrivati alla sera a Rouen e, dopo aver scaricato i bagagli in albergo, siano andati a visitare la famosa cattedrale ovviamente bellissima, ma sicuramente non il pezzo forte della cittadina.


Dopo la cattedrale ci siamo avventurati nei vicoli fermandoci prima per un aperitivo e poi per un'ottima cena in un ristorante tipico. Il pezzo forte di questa cittadina (ed avrei scoperto anche delle altre) non erano tanto le grandi opere (che erano comunque stupende) quanto le cittadine stesse. Borghi rimasti immobili nel tempo con architetture, colori ed atmosfere bellissime ed originali. Era sufficiente passeggiare nelle strette vie in mezzo alle case in pietra, ai glicini che si inerpicavano sui muri, ai coloratissimi serramenti per sentirsi più rilassati e riempirsi gli occhi di bellezza.


La mattina del giorno seguente abbiamo visitato con spirito mattiniero il resto della cittadina riempiendoci gli occhi di quelle belle atmosfere.








La stessa mattina abbiamo fatto la nostra prima scoperta del viaggio: "The yellow corner".
The yellow corner è una piccola catena di gallerie d'arte dedicate alle stampe di grandi fotografi.
Ce ne sono una decina circa in tutto il mondo e propongono stampe (grandi e piccole) incise ad altissima definizione direttamente su plexiglas ed in incorniciate con legni in tinte naturali.
Ci siamo innamorati di decine di foto. Vedere le foto così grandi e definite aiuta a capire la differenza fra la vera fotografia e le minchiatelle che al giorno d'oggi tutti pensano di essere in grado di fare. Alla fine siamo usciti dalla galleria con una stampa bella grossa di uno scorcio di Giappone, dubbiosi su come avremmo fatto a caricarla in aereo.
Nella tarda mattinata siamo partiti verso la seconda meta.
Per il pranzo abbiamo fatto la nostra seconda scoperta durante una sosta in un pittoresco localino. Il suddetto localino aveva come specialità un piatto tipico che sembrava un mix fra una pizza ed una crepe, ma che al gusto rivelava un'identità propria e per niente spiacevole; il nome del piatto era "Galette Bretonne". Era già il mio secondo giorno nella zona del Calvados senza averne assaggiato neanche un po'; a fine pasto avevo accumulato però già troppo alcol in corpo per aggiungere super-alcolici e così anche quest pasto finì nello stesso modo: vino, tanto vino locale, si grazie... calvados... sono spiacente non ce la faccio più... chevvvvvvergogna.
A pranzo ho potuto aprire un altro bigliettino che diceva "Mont Saint Michel".
Leggendolo ho provato quasi timore, dopo anni passati a pensare a quel luogo ora l'avrei visitato.

Dopo un lungo, ma piacevolissimo percorso fra fiori di colza, piccole foreste e pascoli, siamo arrivati a Mont Saint Michel.
La Virgi aveva prenotato una stanza nell'hotel di fronte all'isola, quindi avevamo il pass per entrare nell'abitato ed in 15 minuti a piedi saremmo poi potuti arrivare sul posto.
Mont Saint Michel è un luogo davvero impressionante: appare improvvisamente come se prima fosse velato da un'incantesimo anche se tutto attorno non ci sono teoricamente ostacoli alla vista... un attimo prima c'è solo erba e l'attimo dopo l'isola appare imponente di fronte agli occhi.


Una breve pausa per posare i bagagli (e la stampa) in camera (camera super-deluxe con vista isola) e poi siamo usciti per la nostra prima visita.
Un freddo del cazzo!
Il vento ci colpiva in modo innaturale da tutti i lati ed, aiutato dall'umidità, si insinuava fin nelle ossa. Fummo costretti a riparare in un negozio in cerca di un berretto di lana ed in questa occasione facemmo la nostra terza scoperta: Saint James.
Saint James è un produttore di vestiti in stile "old normandy" rigorosamente made in France... a dir poco adorabile... a dir poco inarrivabile come prezzi... ma non potei esimermi di comprare un berretto di lana della suddetta marca.
Una volta munito di berretto, potevo finalmente affrontare il percorso che mi separava da Mont Saint Michel. Per arrivare all'ingresso bisognava camminare su di una passerella... sotto alla passerella c'era la sabbia od il mare... a seconda dalle maree.



La cosa che davvero impressiona di Mont Saint Michel è che stava nel mezzo del niente... un niente infinito... infinito come il mare. Solo sabbia e cielo fino a dove gli occhi potevano arrivare... un mare vuoto... un mare prosciugato. Poi improvvisamente ecco apparire l'acqua a riempire con una marcia inesorabile quell'immenso vuoto... e poi solo più il mare... con le onde, i gabbiani e l'odore di salsedine. E' una cosa difficile da descrivere... perché bisogna proprio vederlo: alla sera la rocca era circondata dal nulla... quasi lugubre... quasi pervasa sa un senso di ansia da vuoto... e poi fra sera e mattina il mare placido è arrivato ed ha e portato con se il suo spirito ed il suo respiro... e tutto il mattino successivo non sembrava più lo stesso.
Il mare era l'invitato che cambiava la festa, che la creava, che la portava. E' venuto ed ha reso tutto diverso e festoso per poi ritirarsi di nuovo come se niente fosse e lo spazio vuoto lasciato di nuovo a creare un senso di vuoto e solitudine.





Mont Saint Michel è una rocca bellissima e l'interno del monastero è spettacolare, e che dire del vecchio cimitero... un gioiello. Però il vero protagonista è il mare.
Il momento migliore per visitare Mont Saint Michel è la mattina presto... quando bar, negozi e ristoranti sono ancora chiusi. In quel momento sono quasi assenti i turisti ed in giro ci sono solo i pellegrini che si liberano dalla stanchezza della camminata precedente ed assaporano il piacere di stare un giorno senza zaino in spalla. In quei momenti si gode la vera atmosfera della rocca. E poi  dopo un giro quasi in solitudine è pittoresco fare tappa nell'unico bar aperto a quell'ora per una colazione a menù fisso.







Ultima cosa di cui voglio parlare sono i pellegrini: esistono sul serio... e sono pure tanti.
Sono arrivati alla sera quando il sole era ormai sparito dal cielo, lenti nelle loro camminate, carichi dei loro zaini e con quegli sguardi... troppo stanchi per esultare e troppo soddisfatti per non sorridere guardando l'ingresso alla cittadella. Bisogna vederli per capire l'effetto che fa.
Dopo una romantica serata (con cena deluxe) ed una frizzante mattinata, siamo ripartiti in direzione Chartres (altro bigliettino).
Chartres mi ha lasciato di stucco con i suoi parchi, l'acqua tanto presente da ricordare Venezia (ma più pulita e meglio tenuta).







Abbiamo soggiornato in un piccolo e particolarissimo B&B dall'atmosfera davvero particolare proprio in centro. Abbiamo avuto la fortuna di capitare in paese nel periodo degli spettacoli di luce.
Alla sera tutti i maggiori monumenti erano illuminati con proiezioni create ad hoc per valorizzare i monumenti. E' stato davvero bellissimo. Passeggiavamo nel semibui delle viuzze in silenzio per poi fermarci di fronte a questi spettacoli che davvero valorizzavano angoli e costruzioni. Nonostante il freddo intenso, siamo rimasti in giro fino a tardi per goderci questa esperienza.
Il giorno dopo abbiamo visitato i vari angoli del borgo stupendoci ad ogni passo per la bellezza di ogni scorcio.



Tutto il viaggio è stato una grande sorpresa... luoghi bellissimi che sembravano non essere stati sfiorati dal tempo, atmosfere uniche ed un senso di bellezza costantemente presente.
Ottime cene ed ottimi vini (anche se secondo me il Nord della Francia si è dimostrato enogastronomicamente inferiore al Sud).

La sera prima di tornare a casa ho potuto leggere il biglietto con l'ultima meta: "Casa"... una casa speciale perché è la nostra ed il viaggio più bello è quello che ci fa fare il giro di mille mondi per poi riportarci a casa... dove la magia non la fanno i luoghi, ma la facciamo noi.

venerdì 21 aprile 2017

Sul perchè mio padre è un eroe

Io scrivo sul mio blog spesso sperando di poter dare informazioni utili da un punto di vista diverso e personale; In questi casi provo nel mio piccolo a pubblicizzare i miei post sui social ed ai miei amici.

Altre volte scrivo solo per me, perché sento il bisogno di mettere per iscritto quello che penso… di fermare il mio pensiero da qualche parte. In quel caso è sufficiente non pubblicizzare il post e nessuno lo leggerà lasciandolo in rete solo per me o per qualche avventore guidato solo dal destino e quindi destinato a leggere le mie parole.
Questo è uno di quei casi.

Voglio scrivere del fatto che mio padre è uno dei miei eroi.

Ci sono mille motivi per cui lo è, ma io mi dilungherò a parlare solo di uno di questi, gli altri li citerò appena.

Fra gli alti motivi c’è il fatto che mio padre è sempre stato onesto. Un artigiano onesto e mite che infatti, mentre gli altri si facevano i soldi, ha vissuto una vita modesta (che fa rima con onesta).
Ma non parlerò di questo.

Un artigiano che per lungo tempo si è preso sulle spalle la responsabilità di dare sostentamento, oltre che alla nostra famiglia, ad un ampio raggio di parentame… facendo sacrifici e rinunce personali… sempre da solo e spesso ostacolato ed ostracizzato.
Non sarà stato perfetto di sicuro, ma il culo se lo è sempre spaccato per garantire a tutti il massimo che poteva… non un cane che gli abbia detto “grazie” od anche solo “capisco quello che stai provando a fare”, ma lui ha continuato lo stesso finché ha potuto.
Ma non parlerò di questo.

E’ sempre stata una persona che ha condiviso con gli altri il poco che aveva, in ambito umano, lavorativo ed economico… aiutando spesso perfino i concorrenti sul lavoro e/o cercando di fare squadra… prendendolo sempre nel culo da dei grossi figli di puttana (che sono la maggior-parte della gente al giorno d’oggi), personaggi che si sono approfittati in ogni modo della sua voglia/idea di “migliorare tutti insieme per vivere meglio ed in armonia”.
Ma non parlerò di questo.

Non ha mai smesso di aiutare gli altri, col proprio lavoro e con i pochi soldi che aveva… dal dare soldi a persone in difficoltà, all’aiutarle a rimettersi in piedi, ad aiutare persone colpite da calamità a ricostruire cose e vite distrutte.
Non ha mai chiesto e ricevuto neanche un grazie per questo, lui ha continuato e sono convinto che continuerà finché morirà ed andrà in un posto dove sicuramente lo apprezzeranno di più.
Ma non parlerò di questo.

E’ sempre stato un uomo dall’onore così alto da poter essere un samurai. Quando avrebbe potuto chiedere una meritata pensione di invalidità, l’ha rifiutata perché non la riteneva onorevole… e noi poveri italioti medi (io compreso) a pensare che era scemo perché lo stato è ladro e lui ha passato la vita a versare tasse per far fare la bella vita a dei politici di merda. Ma lui, come un samurai, ha fatto le cose per la sua anima ed onore e non per il suo portafogli. Anche in questo caso qualcuno più in gamba di noi gli renderà merito quando sarà il momento.
Ma non voglio parlare di questo.

Ha fatto, insieme a mia madre, infiniti sacrifici per mantenermi all’università come un pascià, come se fossimo benestanti… anni dove io invece di studiare pensavo a ubriacarmi, farmi le canne, suonare la chitarra e provare a separare le ragazze dalle loro mutandine.
E poi quando, dopo tutti questi sacrifici, gli ho detto che volevo smettere di fare il progettista e vendere case, mi ha detto “Se è questo che vuoi fare, sono con te”… e poi quando sono “andato del culo” e lui stesso ha dovuto rimetterci parte dei risparmi per togliermi dalla merda, non mi ha detto manco qualcosa tipo “birichino” (dove io al suo posto mi avrei appeso per le balle al balcone), ma anzi mi ha fatto forza per rimettermi in piedi.
Ma non voglio parlare manco di questo cazzarola.

Io voglio parlare di questo:

Quando aveva circa 40 anni gli hanno tolto la patente perché non vedeva più un cazzo.
Lui ha detto “Non mi arrendo, la riprenderò”.
Ha continuato a lavorare e vivere con tutti gli intoppi e limitazioni del caso ed intanto cercava medici, cure, procedure per riavere la patente.
Intorno ai 45 anni la sera nei posti bui lo si doveva accompagnare a braccetto perché non vedeva proprio più un cazzo… ma lui continuava a lavorare… faceva i preventivi e tagliava i pezzi di legno usando una lente di ingrandimento… rifiuto della pensione di invalidità e nessun cambiamento nei suoi principi di vita… e diceva “Non mi arrendo”.
Nel corso degli anni ha usato quasi tutte le sue risorse per trovare una soluzione. Tutto pagato privatamente, lo stato lo cagava solo per chiedergli le tasse… tutto da solo (a parte mia madre) perchè la gente c’era per lui solo quando bisognava prendere (io non escluso).
Tutti a dirgli di lasciare perdere, magari a sfotterlo, a dirgli che l’unico modo per avere qualche possibilità era essere ricchi e corrompere qualcuno od andare a prendere la patente in Romani. Tutti eravamo quasi infastiditi dal suo non mollare.
Quest’anno… 27 anni dopo… si è ripreso la sua patente.
Per 27 anni non ha mail smesso di agire (non si è limitato a sperare, agiva) per riavere la patente… per 27 anni non ha mai mollato… mai, mai, mai.
Ed adesso ha la patente ed io non ho bisogno di leggere il libro di Steve Jobs per sapere che nella vita la volontà è tutto… una persona che senza bisogno di armi, guerre o imprese si è conquistato il mondo.


Nel film “Batman Begin” il maestro grida a  Bruce Waine durante un allenamento “L’addestramento è nulla, la volontà è tutto!”… è la mia frase preferita in assoluto di ogni film ed ogni libro che abbia mai letto… mio padre mi ha insegnato che è proprio così.

domenica 2 aprile 2017

La Tartaruga Rossa

Chi ha mai letto qualcosa inerente la psicologia contemporanea o anche di alcune teorie del vastissimo ed eterogeneo campo del miglioramento personale ha già sicuramente sentito parlare dei sistemi di comunicazione istintivi e/o subconsci.
Per dirla in modo grossolano ed ignorante, si tratta di far pervenire al cervello (o all'anima dicono alcune teorie) un messaggio, addirittura una teoria o più semplicemente ancora una verità... il tutto senza spiegazioni, ma semplicemente stimolando le parti più profonde dell'essere umano mediante immagini, suoni, racconti.

Senza dubbio la Tartaruga Rossa vuole inviarci un "Qualcosa" proprio in questo modo intuitivo, mediante una poetica così intensa da penetrare i vari strati del conscio e comunicare direttamente con le nostre parti più profonde. Una poetica forte ed intensa, ma anche così delicata da disattivare ogni nostra difesa.

Siccome io non credo assolutamente nell'uguaglianza, perché col cazzo che siamo tutti uguali, sono dell'idea che questo non è un film per tutti.
Non parlo di cultura del singolo o di gusti... parlo di "apertura".
Proprio perché si parla di comunicazione intuitiva il messaggio può arrivare all'analfabeta come all'iper-colto, può arrivare al letterato come allo studioso di fisica quantistica, all'amante di Mozart come al fan di Liga-fucking-bue... e può arrivare a gente di tutte le lingue poiché non c'è nemmeno un dialogo.
Però... però... però... ci vuole la giusta disposizione d'animo: bisogna sedersi davanti allo schermo lasciando la mente libera di assorbire il film, osservandolo senza giudizio e con la mente libera.

La Tartaruga Rossa è un film semplice e struggente; con un capo ed una coda che si uniscono in un "cerchio esistenziale", ma anche surrealista e quasi non-sense.
La storia più semplice del mondo che forse è la vera storia dell'essere umano ridimensionata alla sua effettiva sfera di appartenenza.
L'essere umano è grande e plasmatore, ma al contempo è nulla nell'immensità del creato e finalmente torna a far parte del ciclo naturale delle cose.
Anche la Natura con la "N" maiuscola torna ad essere quello che profondamente è... si piega spesso all'uomo, ma al contempo lo sovrasta e gli sopravvive.
Ma in questo film Uomo e Natura diventano infinitamente piccoli di fronte all'Esistenza che li ingloba entrambi... quell'Esistenza che è legge universale inviolabile ed immutabile... comprensibile solo se la si guarda nella sua interezza e quindi incomprensibile didatticamente, ma comprensibile con lo spirito mediante un messaggio di poesia.
L'Uomo e la Natura tornano ad essere amanti, sposi, uniti come parte di qualcosa di più grande.

C'è un film che amo molto: L'ultimo Samurai con Tom Cruise.
In questo film il capo dei samurai Katsumoto dice: "Il fiore perfetto è cosa rara. Se si trascorresse la vita a cercarne uno, non sarebbe una vita sprecata" e poi quando sta morendo sul campo di battaglia vede i fiori di un ciliegio e sorride dicendo "Sono tutti perfetti". L'intuizione esistenziale figlia dell'esperienza estrema pre-morte.
Ecco! Alla fine del film, con le guance rigate della lacrime, ho pensato "...perfetto...", pensando al ciclo dell'esistenza così poeticamente descritto.
Perché il ciclo dell'esistenza è così... ed è perfetto.

La Tartaruga Rossa è per me il film d'animazione migliore degli ultimi cinque, forse 10 anni... ma forse non va inserito solo nella categoria dei film di animazione, è un'opera di insegnamento filosofico intuitivo, alla pari di alcuni grandi poemi, composizioni musicali o scritti.

Film che stupisce, commuove, insegna e riempie di bellezza.

venerdì 17 febbraio 2017

The Gudu's Singapore Lifestyle

Sono molto in ritardo nel mettere per iscritto il nostro viaggio in Costarica... attendo l'ispirazione.
Intanto ho deciso di raccontare "a caldo" la nostra gita a Singapore del febbraio 2017.

Avendo vinto, mediante concorso on line, un soggiorno per tre notti nel lussuosissimo Swiss Hotel Merchant Court di Singapore (che nome altisonante), decidemmo di partire fuori stagione e vedere com'era questa città di cui avevamo sentito parlare davvero poco.
Dovendo fare scalo a Dubai, decidemmo di fare una piccola sosta anche lì al ritorno, ma di questo parlerò in un altro post.

Siamo partiti da Milano intorno alle 10.30 con la Emirates che ha fatto l'errore fatale di inserire fra i suoi servizi "Aperitivo senza limiti di alcol"... siamo arrivati al carrello del pranzo che eravamo già sbronzissimi, questa volta soprattutto la Vigi caduta sotto i colpi di possenti Gin Tonic forniti senza avarizia dalle gentili hostess.

Sei ore di volo fra alcol e film con la missione di non addormentarci mai per entrare subito nel fuso di Singapore... scalo a Dubai di 2 ore e poi altre 7 ore di volo di nuovo con la missione questa volta di dormire a tutti i costi sempre per entrare nel fuso... missione clamorosamente fallita. Ciò nonostante, atterrammo a Singapore la mattina presto (ora locale) belli carburati. Certo... alla sera io mi addormentavo in piedi in metrò, ma tenemmo comunque duro fino alle 23.00 con un record di più di 24 ore senza dormire.

Singapore era il secondo aeroporto al mondo (dopo Tokyo) che vedevo con la moquette e come Tokyo anche questo aeroporto era pulitissimo ed in più c'era un'atmosfera accogliente dovuta alle innumerevoli piante ed a un silenzio che non avevo mai sperimentato prima in un aeroporto.
Fu semplice fare l'abbonamento ai mezzi pubblici e raggiungere la città.

Dopo un percorso in metrò (che cominciò a svelarci una città piena di verde ed estremamente varia), ci toccava una passeggiata di un chilometro circa per arrivare all'hotel.
Era domenica mattina presto e l'atmosfera era surrealisticamente calma, sembrava di essere in un paesino da 10.000 abitanti anziché in una città da più di 7.000.000.
L'atmosfera era afosa, ma ventilata... pochissime automobili... nessuna strada che non fosse viale alberato, ovunque aiuole piene di fiori e piante, tutto estremamente curato e pulito.
Dopo una breve sosta all'hotel siamo partiti subito alla conquista della città.
Come sempre, non starò a fare la cronistoria di quello che abbiamo visto, ma cercherò di descrivere in ordine sparso quello che abbiamo vissuto e le sensazioni che ci ha dato la città.

Singapore più che una città è un piccolo mondo da scoprire in ogni angolo e vivere come un viaggio dentro al viaggio.
E' stata costruita da innumerevoli etnie diverse che si sono create quartieri a loro immagine e somiglianza evitando però di isolarsi e combattersi come nel "mondo più grande", ma trovando linee comuni di civiltà.

Quartiere coloniale.
Il quartiere più occidentale della città e francamente il meno interessante.
Belle architetture in stile coloniale, atmosfera pacata e gradevole, ma nulla di più.
Nei pressi di questa zona mangiammo il nostro primo pasto Singaporese in un ristorante Birmano. Forse sbagliammo i piatti o forse ci aspettavamo troppo da questa cucina tanto pubblicizzata nelle guide.
Piatti piccanti ma piuttosto scialbi e l'orrenda "Birra Tiger" (già provata in Cina) che purtroppo ci accompagnò per quasi tutta la permanenza.
Punti Bellezza:  5 Audrey Hepburm
Punti fastidio per l'umanità: 1 Jar Jar Binks
Punti alcolici: dico solo: "Birra Tiger".



Quartiere arabo.
In questo quartiere la facevano da padroni le moschee (tutte visitabili) ed i negozi in stile arabo.
Bellissimi tappeti, vestiti in stile e soprattutto i bellissimi lampadari arabi che già avevamo imparato ad adorare in Turchia... mille sfaccettature di vetro e colore... veri capolavori.
L'atmosfera qui era piuttosto turistica, anche se di turisti non ce n'erano troppi.
Da visitare le due moschee principali con i loro ampi spazi e l'atmosfera austera tipica dei luoghi di culto musulmani.
Punti Bellezza:  5 Audrey Hepburm (per le moschee)
Punti fastidio per l'umanità: 3 Jar Jar Binks (tutti gentili, ma due palle metterci la gonna per entrare nelle moschee... pure io ho dovuto metterla)
Punti fastidio per caldo: 5 Calcifer (ah ragazzi, dove sono finiti i bei dehor arabi dei film?).





Quartiere cinese (Chinatown).
La versione più ordinata e meno affollata degli hutong che avevamo vissuto a Pechino.
Bellissimi i banchetti organizzati per il capodanno cinese ed il camion pieno di "suonatori sacri" che girava per il quartiere fermandosi ad ogni tempio.
Da vedere i templi buddhisti che sono oasi di bellezza e di pace interiore.
Da sottolineare il tempio dove è custodito il famoso dente di Buddha, anche se la massa di turisti un po' l'atmosfera la rovinava. Tempio su più piani, l'ultimo dei quali era un immenso giardino con al centro una ruota di preghiera. A colpirmi tutti i piccoli altarini votivi (si chiamano così?)... tantissimi e tutti meticolosamente curati; un po' angoscianti le riproduzioni in cera di tutti i responsabili del tempio nella storia.
Bellissime le viuzze piene di bancarelle e le caotiche architetture "alla cinese".
Punti Bellezza:  7 Audrey Hepburm (templi stupendi)
Punti fastidio per l'umanità: 2 Jar Jar Binks (solo nel tempio principale)
Punti acquisto gadget: 5 Ciapapuer (impossibile non trovare qualcosa di bello od almeno così folle da essere comprato come le etichette da bagaglio dello studio Ghibli che - naturalmente- non abbiamo potuto fare a meno di comprare.
Livello di pacchianesimo: 5 Brillantinoneidenti (se non sono un po' pacchiani, sberluccicosi ed eccessivamente dorati... allora non costruzioni sacre cinesi?).



Quartiere indiano (Little India)
Se c'è una cosa per la quale gli indiani riescono ad identificarsi ovunque vadano è la sporcizia... perfino in una delle città più pulite al mondo, riescono ad essere zozzi.
Zozzi e pacchianiiiiiiii... in confronto i tatuaggi di Lapo Elkan sono un esercizio di stile.
Col massimo rispetto, ma zero politically correct... i templi induisti che abbiamo visto sembravano costruiti dalla Chicco o da un'altra fabbrica di giocattoli plasticosi.
Una serie di statuine colorate senza sfumature che sembravano dei playmobil mutati geneticamente.
Certo in confronto a Kathmandu i templi erano puliti e la gente che sedeva a terra mangiando non stava in mezzo agli escrementi di animali... però... lo stesso zozzi.
E che dire delle vecchie vestite in modo tradizionale con i salami di grasso che uscivano ai lati del vestito... ero sopravvissuto all'era degli ombelichi lardosi all'aria dei primi 2000... ora dovevo affrontare anche gli airbag laterali delle vecchie.
Ammetto che avendo avuto spesso a che fare con gli indiani per lavoro ed essendomeli trovati in giro per il mondo durante i miei viaggi ero un po' prevenuto.
Per vincere la mia avversione verso la cultura indiana, abbiamo pranzato in un ristorante di Little India.
Sporco era sporco: i bicchieri avevano dei "lievi aloni" (come se li avessero lavati col nesquik) e gli avambracci mi rimanevano attaccati al tavolo... così per dare due dati.
Il cibo però era davvero buono. Speziato e piccante. Non avrei potuto mangiarlo quotidianamente perché erano gusti diversi da quelli a cui ero abituato, ma la qualità e la cura nella preparazione erano inequivocabilmente alti.
Purtroppo anche qui la orrenda Birra Tiger che, a differenza dell'animale che l'ha ispirata, purtroppo era tutt'altro che in via di estinzione.
Punti Bellezza:  2 Audrey Hepburm
Punti fastidio per l'umanità: 8 Jar Jar Binks (cioè... io li vedo e già mi girano i coglioni)
Livello di pacchianesimo: 10 Brillantinoneidenti (qui tocchiamo proprio i livelli massimi).



Garden by the bay
Una zona finto naturalistica come tutte le cose naturalistiche a Singapore. Sembra una critica, ma è una constatazione neutrale: prima hanno costruito come pazzi ovunque, poi si sono ricreduti ed hanno cominciato a ri-posizionare natura ovunque.
Sembra incredibile a dirsi, ma il risultato è "artificiosamente sublime".
Nell'avventura dei Garden by the bay io inglobo anche le due immense-gigantesche serre ivi comprese. In una è ricostruito praticamente un parco intero dove è piacevole camminare nonostante la folla ed ammirare ogni tipo di fiore e pianta.
Nell'altra hanno ricostruito una foresta nebulare, come quelle che avevamo visto meno di un anno prima in Costarica... ricostruzione "artificiosamente sublime". Perchè uso questo termine? Perchè i progettisti sono stati così intelligenti da non cercare mai di nascondere l'artificiosità della cosa, ma anzi di renderla palese e così la struttura della cascata è una tenso-struttura in acciaio dalla quale si dipanano anche una serie di ponti sospesi che permettono di godersi questa atmosfera molto particolare.
E che dire delle strutture che hanno reso famosa questa zona? Questi giganteschi... fiori?... in acciaio sui quali si arrampicano svariate specie di piante e che di notte si illuminano a tempo di musica in uno spettacolo davvero pittoresco.
Direi uno dei punti forti di Singapore.
Punti Bellezza:  8 Audrey Hepburm
Punti fastidio per l'umanità: 1 Jar Jar Binks.
Punti relax: 7 nuvole
Punti fastidio per freddo: 5 palle di neve (nella foresta nebulare era ricostruito anche il clima freddo ed umido... freeeeeeddo).






Marina promenade
Noi siamo stati fortunati. Siamo arrivati durante i festeggiamenti del capodanno cinese dell'anno del gallo.
Quindi oltre alle bellissime passeggiate in riva al mare, alla sera abbiano cenato alle bancarelle della festa insieme ai locali mangiando cose strane prese a caso da fracassose e profumate bancarelle. Baccano, gente che faceva festa, rideva, mangiava, inspirava ed espirava aria di festa
E dopo la "street-food cena" una bella sosta in un locale elegante in riva al mare a bere alcolici rilassati e semi-ubrachi... per poi tornare assorbendo negli occhi la versione notturna della promenade con le luci, il frastuono, ma contemporaneamente quell'atmosfera rilassata che era tipica di Singapore.
Punti Bellezza:  7 Audrey Hepburm
Punti fastidio per l'umanità: 1 Jar Jar Binks.
Punti relax: 7 nuvole
Punti alcol: 7 nebbiolini






Zona delle  Peranakan Houses.
Una zona delle zone più pazzesche della città. Sta alla pari con il quartiere anni '70 di Tokyo od il quartiere ebreo di Praga.
Un quartiere qualsiasi di Singapore, solo costruito con le architetture Peranakan... che non ho idea di cosa siano e da cosa derivino, ma sono quanto di più spettacolare io abbia mai visto in fatto di abitazioni. Belle da vedere e piene di carisma... è quasi come se emanassero una propria energia. Una zona lontana dalle norali rotte turistiche ed anche un po' difficile da raggiungere, ma ne vale la pena.
Punti Bellezza:  9 Audrey Hepburm







Giardini botanici + Orchid gardens
In assoluto il mio posto preferito di Singapore.
Una incredibile, bellissima e rilassante passeggiata in mezzo a miriadi di fiori per poi raggiungere la zona espressamente dedicata alle orchidee dove si passano ore ammirando ad ogni angolo esemplari bellissimi e pazzeschi di orchidee. Quella è la zona dove proprio mi sono lasciato prendere la mano con i souvenirs... ero talmente pieno di bellezza da doverne perfino scaricare un po' con souvenirs pacchianissimi che ho acquistato con piacere immenso.
Abbiamo anche acquistato un esemplare di orchidea raro da far crescere (o non far crescere) a casa nostra.
Vorrei dire di più, ma non saprei cosa dire. Bellezza, bellezza e basta.
Punti Bellezza:  8 Audrey Hepburm
Livello di pacchianesimo: 8 Brillantinoneidenti.
Punti acquisto gadget: 8 Ciapapuer (acquisti compulsivi).







Birrificio "Level 33"
Merita un capitolo a parte.
Immaginate di salire si du un ascensore che vi porta al 33° piano dove le porte si aprono direttamente sul micro-birrificio più alto del mondo.
Vista spettacolo, servizio di alto livello ed atmosfera inpagabile.
Ci sedemmo al tavolo e quando la cameriera chiese "Che birra vi porto?", la risposta fu ovvia: "Tutte"... fu così che ci tracannammo tutti i tipi di birra prodotti in loco.
Direi che erano tutte di alta qualità (birra Tiger fottiti!). Anche il cibo era ottimo.
Un'esperienza da fare se si va a Singapore.
Punti Bellezza:  7 Audrey Hepburm
Punti alcol: 8 nebbiolini

Questo è un po' tutto quello che abbiamo visto.
Singapore è una città bellissima. Senza paura di stancarsi, si visita bene in 3 giorni.
E' una città pulita... ne orientale, ne occidentale... un piccolo mondo a parte.
Il cibo è buono, le persone cortesi e ci sono ben due Hard rock cafè ed una succursale tarocca del Blue note.
Ci siamo divertiti e rilassati ed anche questa volta, siamo tornati a casa un po' più ricchi dentro.